Onde gravitazionali, stelle e buchi neri: da Einstein ai giorni nostri

Onde gravitazionali, stelle e buchi neri: da Einstein ai giorni nostri

Conferenza a cura di Tiziana Trombetti ricercatrice IRA-INAF

Venerdì 16 febbraio ore 21:30

Le onde gravitazionali, increspature dello spazio-tempo predette da Einstein nel 1915 nella sua teoria della relatività generale, sono state osservate per la prima volta nel 2015, a 100 anni esatti dalla loro previsione. Sono onde di gravità prodotte dalla fusione di oggetti di grande massa, come stelle di neutroni o buchi neri, o da oggetti massicci in moto accelerato che non presenti simmetria (sferica o rotazionale). Queste onde, propagandosi, modificano la trama spazio-temporale aumentando e riducendo ritmicamente la distanza tra gli oggetti e rendendosi, così, rilevabili dagli strumenti, a terra come nello spazio. Dopo aver introdotto le onde gravitazionali, seguirò un percorso che dalla loro recente rivelazione con gli strumenti della collaborazione LIGO/VIRGO/KAGRA, ci porterà alla costruzione e messa in orbita del più grande occhio gravitazionale mai realizzato e recentemente approvato dall’ESA, LISA, e dello strumento di terza generazione, ET, di cui l’Italia è il principale candidato ad ospitarlo.

 

c/o la Sede dell’AAB, Dopolavoro Ferroviario (DLF) in via S.Serlio, 25/2 - Bologna

Ingresso gratuito.